Pappardelle con ragù semplice profumato all’aglio rosso di Nubia

by geo
0 comment

Ovvero la panacea di tutti i traumi…

Il mio fidanzato ha una teoria: per curare qualsiasi tipo di trauma non occorre la psicoanalisi, ma un ottimo ragù; problemi, liti, incomprensioni, tutto può essere risolto con un piatto di maccheroni o tagliatelle. 

A Napoli, una delle città in cui ho vissuto e a cui sono particolarmente legata, il ragù è un’istituzione, ci vuole tempo e cognizione di causa per cucinarlo, ma non sempre è possibile alzarsi all’alba e lasciare la pentola a sobbollire o “Pippiare ” per ore e ore. 

Forse potevano le nostre nonne la cui priorità era il pranzo della domenica che riuniva figli e nipoti, ma noi, che spesso il sabato sera siamo fuori e tutta la settimana lavoriamo, difficilmente possiamo dedicare tutto quel tempo alla cucina.

Personalmente ho cercato di risolvere il problema semplificando il ragù e trovando un compromesso, in modo da non rinunciare alla panacea di tutti i traumi!

Una piccola curiosità, il termine ragù, deriva dal francese “ragoutant” che significa appetitoso o stuzzicante e, il piatto francese è uno stufato, più simile al ragù napoletano che bolognese.

  Ingredienti

500 gr di macinato bovino  o anche misto (non troppo magro)

1 lt Passata di pomodoro rustica 

4 cipollotti freschi

1 Peperoncino fresco

2 cucchiaini di patè di aglio rosso di Nubia*

mezzo bicchiere di vino rosso

Una macinata di pepe

sale

zucchero

Procedimento

Mettete a soffriggere in olio extravergine di oliva la cipolla fresca col peperoncino privato dei semi e tagliato a piccoli pezzi, aggiungete la carne macinata e il patè di aglio rosso di Nubia e lasciate rosolare bene la carne.

Sfumate col vino rosso e quando l’alcol sarà evaporato, aggiungete il pomodoro e allungate con acqua.

Lasciate sobbollire per tutto il tempo che potete (minimo un’ora, ma considerate che la carne rilascia pian piano tutto il suo sapore), girando di tanto in tanto, in modo che il ragù non si attacchi e aggiungendo altra acqua se si asciuga troppo.

Un pizzico di zucchero o in alternativa di bicarbonato, servirà ad abbassare l’acidità del pomodoro.

Quando il ragù sarà pronto, condite le pappardelle e servitele calde aggiungendo parmigiano.

Spegnete il televisore e mettete in sottofondo la Sinfonia Fantastica di Berlioz. Dimenticate i traumi e lo stress della settimana e godete della domenica.

* Aglio rosso di Nubia: http://www.agliorossodinubia-produttori.com/

You may also like

Leave a Comment