Carruba

by Graziella Costanzo
0 comment

un frutto unico da non dimenticare

L’ autunno porta con sé nuovi colori, nuovi ritmi, nuove temperature e purtroppo anche i primi sintomi del raffreddore e forse non tutti sanno, che la carruba è un ottimo rimedio per contrastarlo.

La carruba infatti, è un frutto che sin dall’antichità veniva utilizzato per combattere tosse e mal di gola e ha rappresentato per molti anni un cibo ricco di vitamine non solo per gli animali ma anche per gli uomini.

Oggi però è un frutto quasi dimenticato e perfino sconosciuto anche perché il suo albero viene coltivato in molti giardini a solo scopo ornamentale, non considerando le infinite virtù benefiche e terapeutiche racchiuse nei suoi baccelli, già note agli antichi Greci e diffuse successivamente in tutto il Mediterraneo dagli Arabi.

Il nome carrubo deriva infatti dall’arabo kharrub e i suoi semi in arabo quirat venivano utilizzati dai gioiellieri arabi per pesare le pietre preziose.

Il frutto è un baccello di colore marrone scuro, mentre al suo interno troviamo una polpa rossastra con dei semi molto duri. Le carrube ricche di antiossidanti, vitamine e sali minerali sono anche famose sono le loro proprietà antidiarroiche, antiacido e preventive per il problema del colon irritabile.

Con le foglie del carrubo si può preparare un’ottima tisana espettorante mentre dalla polpa e dai semi delle carrube si può realizzare una farina dal gusto simile al cacao con notevoli proprietà antiacido.

La farina di carrube presenta un sapore molto gradevole e può essere impiegata come valido sostituto del cacao nella preparazione di molti dolci ma essendo priva di caffeina e teobromina si presta alla preparazione di dolci golosi ma dietetici anche perché il suo impiego nelle ricette richiede una quantità minore di zucchero.

Lo sciroppo di carruba invece viene utilizzato nell’industria dolciaria come dolcificante naturale e rappresenta un aroma fondamentale nella preparazione di marmellate e biscotti della tradizione siciliana.

La ricetta di Cuor di zenzero che vi proponiamo oggi è una ricetta molto semplice che conquisterà tutti per il suo sapore dolce e intenso come quello del cacao ma con un contenuto calorico più basso grazie alla sostituzione del cacao con la farina di carrube:

BUDINO DI CARRUBA

500 ml di latte vegetale
2 cucchiai di farina di carrube
3 cucchiai di zucchero
3 cucchiai di amido di mais
1 cucchiaino di aroma di vaniglia

Procedimento

Mettete in una casseruola la farina di carruba, l’amido di mais, lo zucchero e la vaniglia. Stemperate il tutto con il latte vegetale facendo attenzione a non formare grumi. Passate  il composto sul fuoco e mescolando sempre con la frustra fate cuocere fino a quando il composto non avrà raggiunto la consistenza desiderata. Dopo pochi minuti, versate il budino nello stampo, lasciandolo raffreddare prima a temperatura ambiente e poi in frigo, per almeno due ore.

Graziella Costanzo

You may also like

Leave a Comment