La cucina di bordo di Marine Italy

by Rosa Maria Tomasello
0 comment

La vostra passione è il mare? Noi di cuor di zenzero non solo siamo terribilmente attratti da questo nostro “fratello blu” ma anche da tutto ciò che vi ruota intorno.

Per questo motivo vi parleremo di seguito dello skipper Raffaele Miranda e della MarineItaly, la sua agenzia che ha nello staff interno esperti del mondo della nautica da diporto. A Roma, Fiumicino e Riva di Traiano i principali punti di presenza, il motore è la passione che porta in giro per il Mediterraneo chi è avvinto dalla vacanza in barca a vela.

Ecco quindi quali sono la regole per una vacanza perfetta.

Innanzi tutto è “vietato affamare il vostro skipper” e per far ciò dobbiamo sapere che una vacanza in barca a vela comporta alcune restrizioni che va dalla convivenza in un ambiente ristretto con l’utilizzo degli oggetti di uso quotidiano, alle emozioni che fa scaturire la costante presenza del mare. Di conseguenza i momenti in cui si condivide il pasto sono di fondamentale importanza e per gestire bene la colazione, gli snack o i pranzi dobbiamo essere certi che la cambusa sia organizzata in maniera perfetta e che il cuoco, amante della vela, possa cucinare in sicurezza sia durante la navigazione che mentre si sosta in rada.

Chi si appresta a cucinare a bordo sa che ha a disposizione una cucina con spazi ristretti e una scarsa disponibilità di stoviglie e utensili ma soprattutto deve sapere di non essere ripetitivo perché per 7 giorni dovrà variare il menù organizzando pietanze sane con quanto presente in cambusa.

Raffaele Miranda elenca i suggerimenti per rifornire la cambusa nel modo migliore prima della partenza e come va rimpinguata man mano che si effettuano le soste, dividendo la spesa in 5 gruppi:

scorta di base (scatolame, conserve, pasta, ecc.);

prodotti freschi;

bevande;

gestione barca (carta igienica, spugne, detersivi ecc.);

necessità ed abitudini personali.

Da ciò si evince che l’unica figura indispensabile su una barca a vela sia un “cambusiere” che pianifichi l’acquisto e lo stivaggio delle provviste di bordo e si occupi anche della verifica delle scorte e dei rifornimenti occupandosi in prima persona o coordinando gli acquisti. Mentre tutti i vacanzieri possono, se vogliono, cimentarsi nella preparazione di pietanze per divertirsi e conquistare il palato dei compagni di viaggio; del resto reperire cibi freschi nelle terre lambite dal Mediterraneo non è mai un problema anzi vi sono porti in cui sono diffusi i venditori che fanno servizio alle barche alla fonda offrendo di tutto: pane, frutta, verdura, uova e altri generi alimentari. Altri suggerimenti? Mai far mancare le bevande e gli spuntini che sono molto frequenti a bordo. E per non ingombrare troppo il frigo, che già sarà pieno di cibo deperibile, la sentina a centro barca è una risorsa per stivare le bottiglie e mantenerle fresche aggiungendo, perché no, anche ghiaccio sintetico.

In merito alla conservazione dei cibi freschi valgono alcune fondamentali  stesse regole:

la frutta e la verdura vanno stivate nel posto più aerato, fresco e asciutto; ogni giorno bisogna controllare se qualcosa si è guastata e nel caso affermativo eliminarla, conservare i vari prodotti separati;

il burro si conserva in un contenitore ermetico colmo d’acqua;

le uova se la crociera é breve basta rigirarle spesso, altrimenti dopo una scottatura spalmarle di vaselina o pennellarle di paraffina sciolta; avvolgerle nella carta di giornale e disporle in un contenitore stagno. In ogni caso quelle guaste galleggiano, e se si ha qualche dubbio meglio eliminarle!!!

il pesce fresco si mantiene tale per non più di un giorno, altrimenti deve essere svuotato, lavato, salato e essicato.

carne e salumi solo la carne in scatola è a lunga conservazione, o al massimo va messa sotto sale in un contenitore ermetico se è di maiale; gli insaccati e i prosciutti devono stare in frigo, è più utile comprarli già sottovuoto, e consumarli velocemente se aperti;

il pane preferibili le grosse pagnotte, avvolte in teli e riposte in contenitori di legno per una lunga durata;

i formaggi se avvolti in un panno bagnato non seccano. Se già seccati, il panno va bagnato con vino bianco, e il formaggio sembra resuscitare!

Cari amici con queste dritte non avremo dubbi su come organizzare la nostra vacanza in barca a vela, e questi consigli valgono sia se stiamo navigando sia se stiamo manovrando di bolina in un fiordo strettissimo, virando ogni 2 minuti…

Foto di Thorsten Frenzel

Bruschette Bicolore

Ingredienti: una pagnotta casereccia ovale lunga cm 40 circa, sei spicchi d’aglio, 125 ml + due cucchiai di olio extravergine di oliva, 400 g di pomodori maturi, una decina di foglie di basilico, un pizzico di zucchero, una cipolla rossa, 40 g di olive verdi, 60 g di olive nere, origano fresco, sale, pepe.

Preparazione: Tagliate a pezzi i pomodori lavati, eliminando i semi e tritate grossolanamente la cipolla e il basilico. In una padella, scaldate l’olio, versate la polpa di pomodoro e lasciate rosolare per qualche minuto a fiamma vivace e a tegame coperto. Versate il pomodoro in una ciotola, unite la cipolla e il basilico, una pizzico di zucchero e mescolate il tutto con un cucchiaio di legno. In una terrina a parte, mescolate le olive sminuzzate grossolanamente con le foglie di origano spezzettate, condite con un cucchiaio di olio e amalgamate tutti gli ingredienti. Ricavate dalla pagnotta delle fette spesse circa cm 2 e larghe cm 10-12, doratele in una padella o alla griglia e su ciascuna strofinate mezzo spicchio d’aglio e infine ungetele leggermente con un filo d’olio. Distribuite i composti sulle fette, alternando le due farciture, salate, pepate e scaldate le bruschette sulla griglia prima di servirle.

Gnocchi con vongole e pomodorini

Ingredienti per 4 Persone:
1 Kg di gnocchi di patate, 800 gr di pomodorini, 600 gr di vongole, 1 bicchiere di vino bianco secco, 1 rametto di basilico, 1 spicchio di aglio, 1 rametto di prezzemolo, olio extravergine di oliva, sale fino.

Sciacquate bene le vongole, mettetele in una ciotola capiente, copritele di acqua di mare. Fate riposare per qualche ora in modo che eliminino la sabbia all’interno. Nel frattempo sbucciate l’aglio e pulite il prezzemolo e il basilico. Lavate e asciugate i pomodorini e tagliateli a metà. Una volta spurgate le vongole mettetele in una padella larga, accendete il fuoco alto (attenzione!) e fatele aprire per qualche minuto. Filtrate il liquido che le vongole avranno tirato fuori per togliere residui di sabbia. In un tegame scaldate 4 cucchiai abbondanti di olio e fatevi rosolare l’aglio per qualche secondo. Aggiungete i pomodorini, una parte del prezzemolo, il vino e un mestolo del liquido delle vongole, poi salate.

cucina di bordo (4)

Risotto ai frutti di mare e gamberi

Un po’ complicato ma viene fuori un capolavoro! Ingredienti: 400 g di riso Carnaroli, 500 g di vongole, 500 g di cozze, 5 gamberoni, un bicchiere di vino bianco secco, un cucchiaio abbondante di concentrato di pomodoro, uno  spicchio d’aglio, uno scalogno, carota, sedano, peperoncino, olio extra vergine di oliva, sale, prezzemolo fresco

Controllate le vongole eliminando quelle rotte. Mettetele in ammollo in acqua di mare per spurgarle. Dopo averle sciacquate, mettetele in una casseruola insieme a un filo d’acqua un goccio di vino. Pulite le cozze e mettetele in una seconda pentola. Coprite e fatele aprire a fiamma alta, attenzione! Sgusciate cozze e vongole (conservandone qualcuna per la decorazione finale) e filtrate l’acqua di cottura. Tritate finemente la carota e il sedano, quindi fateli appassire in una padella con l’olio di oliva, il peperoncino e l’aglio. Sfumate con una parte del vino. Fate saltare i gamberetti puliti in una padella con un filo d’olio e uniteli in padella. Fate insaporire per qualche minuto. Tritate lo scalogno e fatelo appassire in una casseruola insieme all’olio. Quando sarà diventato trasparente aggiungete il riso e fatelo tostare per alcuni minuti mescolando. Sfumate con il vino rimasto e proseguite la cottura aggiungendo l’acqua di cottura dei molluschi calda, un mestolo alla volta. Dopo 10 minuti unite il concentrato di pomodoro e mescolate stemperandolo con un po’ di acqua di cottura. Due minuti prima del tempo previsto unite i gamberetti  insieme al fondo di cottura. Aggiungete anche i molluschi sgusciati e completate la cottura. Ritirate, aggiungete il prezzemolo tritato e servite decorando con i gusci tenuti da parte.

Foto di designer Mikele

Guazzetto di frutti di mare e polpi

Ingredienti per 4 Persone:

1 kg di cozze, 400 gr di vongole veraci, 4 polipetti non grandi, 4 pomodori maturi, 1 bicchiere di vino bianco secco, 6 cucchiai di olio extra vergine d’oliva, 1 spicchio di aglio, 1 ciuffo di prezzemolo, sale, 4 crostoni di pane casareccio tostati.

Pulite i polipetti e lessateli in acqua bollente. Lavate cozze e vongole e fatele aprire separatamente, ponendole in padella con un filo di olio e un cucchiaio di vino bianco. Serve un altro tegame, fate spazio; un questo secondo tegame fate appassire dolcemente nell’olio l’aglio tagliato a lamelle, unite i pomodori pelati, privati di semi e tagliati a filetti, i molluschi di vongole, le cozze separati dai gusci e i polipetti. Filtrate il poco liquido rimasto dalla loro cottura e unitelo all’intingolo. Basteranno 2 minuti per completare la cottura del guazzetto. Prima di versarlo sui crostoni aggiungete il trito di prezzemolo e aggiungete sale.

Polpo in insalata

Ingredienti per 4 Persone:

1 polpo da 1 Kg, ½ limone, 200 gr di patate, 1 mazzetto di rucola, olio extra vergine di oliva, 1 ciuffo di prezzemolo, sale, pepe bianco.

Pulite il polpo e lessatelo in acqua bollente. A proposito della lessatura, qualcuno sostiene che per renderlo tenero vada immerso e prelevato dall’acqua in ebollizione per tre volte consecutive. Noi l’abbiamo immerso e prelevato per 5 volte, comunque…  Nel frattempo cuocete anche le patate lesse. Scolate il polpo e tagliatelo a pezzetti con le forbici da cucina. Aggiungete le patate intiepidite a pezzettini e condite con olio, sale e pepe, Mescolate l’insalata aggiungendo qualche goccia di succo di limone, la rucola condita con un po’ di sale, ed infine un pizzico di prezzemolo.

Buon appetito e buona navigazione!

Ricette di bordo

Per saperne di più:

MarineItaly

Raffaele Miranda e Rosa Maria Tomasello

You may also like

Leave a Comment