Cucine regionali, mondi differenti!

by geo
0 comment

Sono cresciuta tra due diversi mondi gastronomici: sapori, colori, profumi totalmente differenti.

Nel primo mondo il sugo di carne bolliva interminabilmente per delle ore e si rapprendeva divenendo sempre più denso, il gusto era deciso, gli aromi intensi e la mia tata spesso concedeva a me e ai miei cugini un assaggio sul pane, preludio a quello che sarebbe stato il pranzo domenicale: i maccheroni rigati appunto col sugo, la salsiccia e le polpette prima del cambio piatto per la cotoletta e l’insalata. Noi bambini pranzavamo in un tavolo a parte accanto a quello degli adulti e la domenica ci veniva concesso un bicchiere di coca cola. Mio nonno mangiava in un piatto differente rispetto a quello degli altri, un piatto lungo con almeno 300 grammi di pasta e, ogni giorno, lui consumava quella quantità senza mai ingrassare di un etto, qualità che ha ereditato mio fratello e non io purtroppo!

Nel secondo mondo a diffondersi per la piccola cucina era l’odore del brodo di cappone, la domenica la mia nonna stendeva la pasta col mattarello per preparare i cappelletti* da metterci dentro, nel camino crepitava sempre un fuocherello vivace e il nonno rientrava col fiasco di vino, che puntualmente andava a prendere nella cantina di un’altra vecchia casa di proprietà. Con l’aroma del brodo assorbivo quello della legna bruciata e naturalmente del vino e se dal nonno siciliano non ho ricevuto la predisposizione genetica alla magrezza, dal nonno marchigiano  ho ricevuto la predisposizione genetica ad apprezzare il buon vino!

la cucina regionale italiana è sicuramente una delle più ricche al mondo, variegata nei contrasti di sapori ed è quindi normale che tra una regione del sud e una del centro italia le differenze fossero tanto marcate, sicuramente queste differenze sono da tutelare con le unghie e i denti. Da troppo tempo in Italia non riusciamo più a renderci conto dell’enorme patrimonio  che abbiamo in mano, artistico, naturale, enologico e culinario, da valorizzare, promuovere e riscattare anche!

You may also like

Leave a Comment