La cipolluta cipollosità della zuppa di cipolla!

by geo
0 comment

Oggi si parla di cipolla e lo faccio attraverso il genio e l’ironia della mia poetessa preferita Wisława Szymborska, premio nobel nel 1996, scomparsa poco tempo fa purtroppo.

La cipolla

La cipolla è un’altra cosa.

Interiora non ne ha.
Completamente cipolla
fino alla cipollità.
Cipolluta di fuori,
cipollosa fino al cuore,
potrebbe guardarsi dentro
senza provare timore.
In noi ignoto e selve
di pelle appena coperti,
interni d’inferno,
violenta anatomia,
ma nella cipolla – cipolla,
non visceri ritorti.
Lei più e più volte nuda,
fin nel fondo e così via.
Coerente è la cipolla,
riuscita è la cipolla.
Nell’una ecco sta l’altra,
nella maggiore la minore,
nella seguente la successiva,
cioè la terza e la quarta.
Una centripeta fuga.
Un’eco in coro composta.
La cipolla, d’accordo:
il più bel ventre del mondo.
A propria lode di aureole
da sé si avvolge in tondo.
In noi – grasso, nervi, vene,
muchi e secrezioni.
E a noi resta negata
l’idiozia della perfezione.

Wisława Szymborska

La cipolla ha importanti proprietà nutritive contiene calcio, ferro e fosforo un valido aiuto contro la stanchezza fisica e mentale. Vi sono le prostaglandine, sostanze naturali che svolgono un’utile funzione di controllo della pressione arteriosa e del colesterolo vi troviamo tutte le vitamine del complesso B, C ed E, e la vitamina A. Contiene infine zinco, sodio, potassio e non bisogna dimenticare le sostanze fungicide e disinfettanti che aumentano le difese immunitarie, oltre ad alcune proteine, anche se poche.

la cipolla è un ortaggio che non dovrebbe mai mancare in casa, sia per le sue mille proprietà terapeutiche, sia per la versatilità con cui si può utilizzare in tantissime ricette, non dimenticate che insieme al sedano e alla carota fa da base al soffritto, ma può essere anche l’ingrediente protagonista, basta pensare alla cipolla gratinata, alla vellutata di cipolla, alla crema e via continuando.

Oggi voglio proporvi una zuppa di cipolla, visto che si va incontro all’inverno e nelle sere fredde una zuppa calda e buona è una bella consolazione.

3 cipolle, tagliate a fettine sottili

olio evo

sale

pepe bianco

1 rametto di rosmarino

1 litro e mezzo di brodo vegetale

20 gr di farina

1 bicchiere di vino bianco (100 ml circa)

1 tocco di zenzero

parmigiano

crostini di pane integrale, abbrustoliti

In una casseruola fate soffriggere la cipolla nell’olio d’oliva mescolando continuamente fino a quando non sarà colorita, unite la farina, lo zenzero e il bicchiere di vino lasciando cuocere per altri 5 minuti, continuando a mescolare. A questo punto aggiungete il brodo vegetale e fate bollire a fuoco lento per circa 25 minuti, condite con sale e pepe.

Nel frattempo preparate i crostini di pane integrale abbrustolendoli in forno.

Quando la zuppa sarà cotta riempite delle ciotoline monoporzione e spolverate di formaggio grana. Passate sotto il grill per qualche minuto, finché non si sarà formata una crosticina dorata. Servite la zuppa calda accompagnata con i crostini di pane.

l’album da mettere in sottofondo per la cena con la zuppa è ‘Barton Hollow’ di Civil wars.

You may also like

Leave a Comment